Cesena, 2 giugno 1946: Referendum Monarchia Repubblica

Care amiche e cari amici, buona Festa della Repubblica Italiana! Per festeggiare questa ricorrenza in modo coerente con l’impostazione di questa rubrica su storia, cultura e arte a Cesena mi pare opportuno pubblicare i risultati del Referendum Monarchia e Repubblica nella nostra città tratti dal volume: “Cesena: uomini ed elezioni dall’Unità ad oggi”  a cura di Daniele Vaienti – Collana Ufficio Studi e Statistica del Comune di Cesena, Stilgraf 2009:

56 sezioni elettorali

ISCRITTI

maschi: 19.756 47,56%

femmine: 21.785 52,44%

totale: 41.541 100,00

VOTANTI

maschi: 18.532 93,80%

femmine: 20.575 94,45%

totale: 39.106  94,18%

SCHEDE BIANCHE

 462 1,18%

SCHEDE NULLE

 767 1,96%

VOTI CONTESTATI

     0 0,00%

VOTI VALIDI

 37.877 96,86%

VOTI

REPUBBLICA 34.577 91,29%

MONARCHIA   3.300  8,71

TOTALE VOTI VALIDI 37.877 100,00%

I risultati vennero proclamati ufficialmente dalla Corte di Cassazione il 10 giugno.

Qualche breve considerazione rispetto a risultati di per sè eloquenti.

Innanzi tutto la grande partecipazione al voto che, invece, purtroppo, nei decenni successivi è andata sempre più calando.

All’interno di questa grande partecipazione emerge l’affluenza delle donne che fu superiore a quella degli uomini, in numeri assoluti ed in percentuale rispetto alle aventi diritto.

Non era la prima volta che a Cesena le donne votavano. Avevano già partecipato alle elezioni amministrative del 7 aprile 1946, sempre in percentuale elevata (91,00%) ma in quella occasione leggermente inferiore rispetto al Referendum ed alla percentuale di voto  degli uomini (92,46%).

Da notare anche il numero limitato delle schede bianche, nulle e contestate, segno di consapevolezza.

Infine emerge chiaramente il risultato schiacciante a favore della Repubblica, nettamente superiore alla media nazionale che fu di 54,3%  ed anche alla media della circoscrizione di Bologna (80,5%), la seconda più alta dopo Trento (85,0%).

Quindi è con legittimo orgoglio che possiamo ricordare il significativo contributo dato dalla nostra città e dalla nostra regione alla nascita della Repubblica Italiana.

Una Repubblica che oggi siamo chiamati in parte a ricostruire, ci auguriamo su basi migliori, per realizzare pienamente le indicazioni della Costituzione che nacque dalla Repubblica che oggi festeggiamo!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.